Curiosità

  • Museo di arte contemporanea MACURA
  • Opere di pittura
  • Prodotti etnici
  • Atelje Sjeverac Gordana Sjeverac: +381 64 1780 823

  • Arte del découpage
  • Decoupage radionica +381 63 315 655

  • Esempi unici di gioielli in vetro
  • Staklene perle Ljilja: +381 64 2666 797

  • Concorsi di cucina di zuppa di pesce

La storia dei Banovci

I Banovci si trovano nella regione di Srem sul Danubio, a 15 km da Zemun.

Se lasciamo l’autostrada Belgrado-Novi Sad all’uscita  Novi Banovci e continuiamo a seguire il Danubio verso nord, passiamo per Novi Banovci,  Banovci -Dunav e Stari Banovci, ma se non facciamo attenzione ai cartelli stradali, non ci accorgeremo che sono tre località differenti. Parché la strada è tutta dritta e i villaggi si susseguono senza interruzioni. Soltanto la gente del posto conosce i limiti di ogni villaggio. Oggi questi tre villaggi si chiamano Comune di Banovci.

Nella regione di Banovci si trovano resti di culture antiche. Da secoli questa regione è abitata, e i resti sono integrati nella agglomerazione attuale. Anche se la storia di Banovci inizia nel XV secolo, la prima fonte scritta data dai tempi dell’occupazione turca intorno al 1566/67. I nomi delle famiglie i del pope Paolo testimoniano che erano cristiani ortodossi. Nei documenti della prima metà del XVIII secolo certe volte incontriamo anche il nome di Tusa (Tussa) per Banovci e a volte entrambi i nomi. Dalla fine del XVIII secolo troviamo i nomi Stari e Novi Banovci.

Dall’anno 1718 – l’anno della Pace di Pozarevac tra l’Autstria e la Turchia, Srem (il Danubio) diviene parte integrante della Monarchia degli Asburgo e nello stesso tempo la frontiera militare tra i due imperi: quello Austro-ungarico e quello Turco.

Dopo la Pace di Belgrado nel 1739 le frontiere dell’Austria furono fissate sui fiumi Sava e Danubio, ma la pace non si rivelò né stabile né duratura.
Per proteggere le frontiere verso la Turchia l’Austria aveva instaurato, anche prima delle guerre, una zona militare chiamata « Kraina » da cui Srem faceva parte.

Nei tempi difficili e pericolosi questa frontiera doveva essere maggiormente controllata  per via delle epidemie e dei briganti (haiduci) e era completamente chiusa durante i tempi di peste.

Le torri usati come posti di osservazione si trovano a poca distanza dalla Porta del Fucile. Dalle torri i soldati della guardia potevano sorvegliare Il Danubio non permettendo a nessuno di passarlo al di fuori delle ore previste, assicurando così la navigazione normale e la sicurezza pubblica.

In questa maniera la circolazione delle merci veniva interrotta, il traffico clandestino non poteva funzionare e, soprattutto, dato la popolazione locale non veniva a contatto diretto con i viaggiatori si evitava la diffusione delle  malattie contagiose. Ecco la ragione per cui a Banovci negli anni sessanta e settanta del XVIII secolo esisteva una quarantena, dove i passeggeri restavano isolati per u certo periodo prima di poter entrare in Austria.

Questo è stato il modo di vivere della gente di Banovci per generazioni, fino agli anni  1871 – 1872  quando la frontiera tra due imperi è finalmente sparita. Da allora i doganieri di questa zona militare sono diventati agricoltori. La variazione del numeriodi abitanti di Stari e Novi Banovci è cominciata negli anni settanta del XX secolo quando ogni piccola distanza tra le agglomerazioni è stata finalmente cancellata, diventando zona residenziale o zona delle seconde case, e sopratutto negli anni ottanta con la formazione della agglomerazione urbana Banovci-Dunav. Con gli immigrati delle guerre degli anni novanta il numero degli abitanti è raddoppiato.

Site partners